Gli americani a ricevere un secondo controllo di stimolo in mezzo alla pandemia in aumento

I cittadini statunitensi che hanno investito la totalità dei loro primi assegni di stimolo da 1.200 dollari in Bitcoin hanno visto un ritorno di oltre il 40% ad oggi. Gli americani riceveranno ora il secondo assegno di stimolo.

I residenti statunitensi che hanno investito i loro primi assegni di stimolo in Bitcoin Rush hanno visto un ritorno del 45,5%, da 1.200 dollari in aprile a circa 1.746 dollari al momento della scrittura, quando la principale moneta criptata sta superando i 10.200 dollari. Ora i residenti negli Stati Uniti sono pronti a ricevere il secondo assegno di stimolo dal governo. In un’intervista alla CNN, il consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha confermato che gli americani riceveranno un altro assegno di 1.200 dollari come parte di un pacchetto di stimolo di circa 1.000 miliardi di dollari annunciato per la prima volta il 23 luglio.

Il secondo assegno di stimolo sarà distribuito a partire da agosto

La pandemia globale ha causato a molte persone la perdita dei loro mezzi di sussistenza e persino delle loro case in affitto. I controlli di stimolo dati dal governo degli Stati Uniti più di quattro mesi fa hanno aiutato la gente in una certa misura, ma non è stato sufficiente per molti. Molti residenti statunitensi hanno persino riferito di non aver ricevuto i primi assegni, che il Tesoro statunitense ha iniziato a emettere alla fine di marzo. Il segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha detto che i secondi assegni di pagamento arriveranno ad agosto, ma se lo stesso processo viene seguito, potrebbe significare novembre.

Diverse persone hanno usato gli assegni di stimolo per investire in bitcoin

Come riportato in precedenza, l’amministratore delegato della crypto exchange Coinbase, Brian Armstrong aveva notato che il numero di depositi e acquisti sullo scambio del valore di 1.200 dollari è quadruplicato quando gli assegni di stimolo sono stati distribuiti nell’aprile di quest’anno. I residenti statunitensi che avevano investito i loro assegni di stimolo in bitcoin hanno visto un rendimento del 45,5%, dato che il bitcoin ha superato i 10.200 dollari.

Non tutti sono d’accordo con l’idea di fornire ai cittadini statunitensi i secondi controlli di stimolo. Il noto imprenditore tecnologico Elon Musk, che ha preso 465 milioni di dollari in prestito dal governo durante la grande recessione, si è opposto al secondo pacchetto di stimolo. Il senatore americano del Vermont, Bernie Sanders, ha sbattuto Elon Musk su Twitter per essere un „ipocrita“.

„Elon Musk ha ricevuto miliardi di dollari di welfare aziendale dai contribuenti statunitensi“, ha twittato il Vermont Santor.